la scrivania commemorativa di thelma king

Anni prima, durante una festa aziendale, ero entrato nell’ufficio di Walter Faye a verificare certe voci che mi erano giunte riguardo a spogliarelli e bagordi vari, e ci avevo la signora Kling (la segretaria isterica e antipatica del capo, NdB), sola, ignara della mia presenza: irrigidita, scalza e senza camicetta, chiusa in un busto quasi dal collo all’ombelico come il caveau di una banca, piede sinistro proteso in avanti e pugni serrati a mezz’aria, con il sinistro a proteggere il volto, nella classica posa del boxeur di un attaccabrighe del porto. Era stato uno di quei momenti per i quali non si trova spiegazione, un’immersione subacquea trasfigurata dall’ebbrezza da profondità. Molto più tardi, vestita di tutto punto, la signora King era ricomparsa alla festa. E poi, come a dare pubblica dimostrazione dell’ottima qualità del suo apparato digerente, dell’efficienza triturante dei succhi gastrici, aveva vomitato su una scrivania ingombra di carte, creando così al tempo stesso una leggenda e un monumento a quella leggenda, la Scrivania Commemorativa di Thelma King.

[Americana, Don DeLillo, cit., p. 101]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...