5 album che non ti aspetti

I 5 album che, no, non mi hanno cambiato la vita, ma che quando li ho ascoltati per la prima volta, e non li conoscevo, sono rimasto di sasso: estasiato da qualcosa che non sapevo, incantato da una bellezza che mi ha avvolto e stregato, stupefatto per una genialità che non credevo possibile. L’ordine è per pura comodità, ognuno ha il suo valore, nel tempo della mia vita. A margine, il punto 2 della classifica sta diventando, di questi mesi, una pura ossessione. Va bhé, va così.

1. BMS del Banco del mutuo soccorso. Da lì in poi è stato solo prog. Un disco memorabile, meraviglioso, fantastico.

2. Come on feel the Illinois di Sufjan Stevens. Ho avuto la fortuna di scoprirlo quando ancora non era così seguito (non lo è tutt’ora, ma un po’ di più di qualche anno fa). Un genio cristallino e purissimo, ho pensato. Ne ho avuto conferma con successivi album e concerti.

3. Pink moon di Nick Drake. Non pensavo si potesse essere così dolci, crepuscolari, intensi, leggeri con una sola chitarra suonata meravigliosamente, e una voce avvolgente e ammaliante come la sua. Un altro genio rarissimo.

4. Kid A dei Radiohead. Inizia il terzo millennio e loro presentano Kid A e Amnesiac, come se li avessero lì nel cassetto da decenni, come se loro il terzo millennio lo conoscessero già da tempo. Avantissimi, come pochi. Gli anni duemila, musicalmente, iniziano con loro.

5. Socialismo Tascabile degli Offlaga disco pax. L’inizio di Kappler “io dormivo” l’ho ascoltato per la prima volta in macchina, e ho pensato: ma questi chi cazzo sono? Fantastici, nella loro originale creatività a bassa intensità.

6. Menzione speciale per Strategies against architecture III, raccolta degli Einsturzende Neubauten. Ascoltare per apprezzare e comprendere.

 

Annunci

One thought on “5 album che non ti aspetti

  1. Sicuro che l’1 non ha influito in nessun modo sulla tua vita? Io nei miei ci metto sicuramente Harvest di Neil Young, À L’Olympia di Alan Stivell, Antony and the Johnsons con l’omonimo album,Mellow Gold di Beck e Mezzanine dei Massive Attack.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...