sfiduciati

non poteva essere altrimenti. ci sono molti commenti sulla fiducia ottenuta dal governo Berlusconi. Si possono leggere post da vari blog. Su Repubblica invece una galleria fotografica abbastanza inquietante in merito agli scontri violenti avvenuti oggi a Roma. Un finanziere aggradito con la pistola in mano. Certo, un’istantanea di un momento concitato forse non rende sempre l’idea, e i messaggi possono essere fraintesi. Ma la seconda foto dell’album, io proprio non la capisco. A me dice l’esatto opposto di quello che sembra… (volemose bene, per dire). Le dinamiche degli scontri io continuo a non capirle (camionette incendiate, perdire). Ad esempio, questa a fianco. Come è possibile che ci siano un gruppo di finanzieri in assetto antisommosso bloccati da due manifestanti con spranghe di legno? Mah. Resta un governo con la fiducia, e un Paese sull’orlo, se non già precipitato in una crisi sociale, oltre che economica, che coinvolge una serie di classi e gruppi sociali. Tutto molto preoccupante, e con sempre meno tempo a disposizione, prima che l’orologio termini il suo countdown. Ocio.

 

update: ho trovato la foto a cui facevo riferimento prima. Oltre al finanziere con la pistola, e quello che sembra essere un manifestante dal volto coperto che evidentemente è il figlio, dalla cura con cui lo abbraccia e protegge, deve essere stato presente pure il fratello del figlio che si è preoccupato di togliere le manette al padre per evitare che nella caduta si facesse male… mah. Non si può vivere sempre di dietrologia, ma non si possono nemmeno vedere sempre queste strane immagini, che diamine!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...