suore in harley davidson

-Mi risulta che c’è in vendita una partita di AK calibro 22. Posso informarmi sul prezzo. Però bisogna andarli a prendere a Contra Costa, e poi apportare alcune modifiche… -Le Sorelle hanno il loro quartier generale in Walnut Creek, quindi nessun problema- disse Van Meter. Si riferiva all’Ordine Harleyita, un circolo di motociclisti che per motivi fiscali si era trasformato in un gruppo di suore. Van Meter li/le aveva conosciuti/e nel corso della sua assidua ricerca del Trascendente ed era rimasto immediatamente colpito e stupefatto dalla spiritualità che sembrava emanare da loro. Uno dei loro sacri testi era il noto graffito, o scrittura murale, che dice: -Se non lasciano entrare le Harley Davidson in Paradiso, noi andremo in arcioni a esse all’Inferno-. Le Sorelle conducevano una vita di eccezionale, ancorché antinomica, purezza. Continuavano come prima ad abusare di alcolici e droghe, a commettere atti di violenza simbolica e reali, a esercitare pratiche sessuali di fronte alle quali Mrs Grundy notoriamente aggrottava la fronte, a odiare ogni forma di autorità, ma tutto ciò era adesso trasfigurato dall’amore per Gesù Cristo, il Primo Motociclista, secondo la definizione di Sister Vince, il/la teologo/a dell’Ordine. […] Van Meter si teneva tuttora in contatto cone le Harleyite, volentieri le avrebbe conquistate al progetto di Zoyd.

[Thomas Pynchon, Vineland, cit., pp.415-416]

Sopraggiunse in quel momento Isaiah Due Quattro con le ultime notizie su quella partita di fucili da guerra: l’affare stava andando a monte. E magari, soggiunse, non era un gran danno, visto e considerato l’atteggiamento che gli/le Harleyiti avevano assunto da quando avevano preso parte al programma televisivo di Phil Donahue, la settimana prima. A un tratto, di fronte a un fioccare di offerte per far pubblicità a magliette, bambole da collezione, portapranzi eccetera, nonché partecipare a telefilm e miniserie, il sodalizio aveva deciso, come una sola suora, che erano tutti troppo importanti, troppo celebri, per stare a perdere tempo dietro a una bazzecola come quella di aiutare Zoyd a riprendersi la casa confiscata. -Il vero problema, con quelli della tua generazione,- opinò Isaiah -niente di personale, è che voi credavate davvero nella vostra rivoluzione, eravate pronti a giocarvi la vita per essa; ma, perdio, non avete capito un tubo, del Tubo catodico. Non avete capito un cazzo della Tele. Non appena la Tele si fosse impadronita di voialtri, avevate chiuso. E come gli Indiani, la vendeste, anche voi, la vostra America alternativa, la vendeste ai vostri veri nemici, a un prezzo che, anche in dollari del 1970, era maledettamente basso.-

[Thomas Pynchon, Vineland, cit., pp.431-432]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...